Emanuele Giannasca

 

 

 

 

Dopo la maturità classica si laurea in Filosofia presso l’Università degli Studi di Torino con una tesi in Estetica dal titolo La notazione della danza e consegue nel 2011 la Laurea Magistrale in Teatro e Arti della Scena con una tesi in Storia della danza dal titolo La Scuola di Ballo del Teatro alla Scala.

Attualmente dottorando di ricerca in Spettacolo e Musica presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Torino, sotto la supervisione del Prof. Alessandro Pontremoli, sta elaborando una ricerca sul collezionismo coreico torinese del Novecento.

Membro del comitato direttivo dell’Associazione Culturale Filieradarte, collabora nella progettazione di laboratori di danza educativa nelle scuole primarie.

Danzatore e insegnante di danza, si è diplomato alla Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Vienna e ha preso parte in qualità di danzatore e mimo ad alcuni balletti e opere presso il Teatro dell’Opera di Vienna quali La Bella Addormentata, Il Lago dei Cigni, Spartacus, Le Nozze di Figaro, Rigoletto e Don Carlos. È stato danzatore della Compagnia di Operette Corrado Abbati nelle produzioni No No Nanette, Il Paese del Sorriso, La vedova allegra e Sogno di un Valzer. Nel 2007 è entrato a far parte della compagnia Adriana Cava Jazz Ballet.

Ha frequentato il corso teorico-pratico per insegnanti di danza classico-accademica presso l’Accademia Teatro alla Scala, conseguendo l’Attestato di idoneità all’insegnamento del programma e della metodologia dei primi tre anni della scuola di ballo dell’Accademia Teatro alla Scala.

Nel 2011-2012 è stato docente di teoria e tecnica della danza jazz-musical per il corso di formazione professionale CEE “Jazz-Musical” presso il Teatro Nuovo di Torino.

Attualmente insegna danza classico-accademica e danza modern-jazz presso la scuola del Teatro Musicale di Novara e la scuola Jazz Ballet diretta da Adriana Cava presso il Teatro Nuovo di Torino.

 

Dal 2013 è docente di Storia della danza presso il Liceo Coreutico “Matilde di Canossa” di Reggio Emilia.

 


SAGGI IN MONOGRAFIE

 

“«Feeling from the inside». Il maestro Luigi e l'esperienza della riabilitazione come fondamento di una tecnica”, in A. Pontremoli - A. Cava, La Danza Jazz. Storia, Cultura, Tecniche, Roma, Aracne, 2014, pp. 73-82.

 

“Tra memoria e incarnazione: le tecniche jazz, in A. Pontremoli - A. Cava, La Danza Jazz. Storia, Cultura, Tecniche, Roma, Aracne, 2014, pp. 197-208.

 


 

 

EMANUELE GIANNASCA
Via Madonna delle Rose 11 - 10134 Torino

emanuele.giannasca@unito.it

emanuele_giannasca@libero.it