Letizia Gioia Monda

 

 

 

 

Coreografa, performer e dottore di ricerca in Tecnologie Digitali e Metodologie per la Ricerca sullo Spettacolo presso il Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo di “Sapienza Università di Roma”. 

All’età di sedici anni lascia Napoli per trasferirsi a Roma e terminare la sua formazione come danzatrice presso l’Accademia Nazionale di Danza.
Finiti gli studi continua il perfezionamento in tecniche classiche e contemporanee presso l’Académie de Danse Classique Princesse Grace di Montecarlo, l’ImpulsTanz a Vienna, l’Alvin Ailey School e il Joffrey Ballet School a New York.
Nell’estate 2006 a New York performa come danzatrice per il coreografo neoclassico Jason Melms, e per il coreografo contemporaneo Max Luna.
Nel marzo 2009 debutta alla Biennale di Venezia con Il giavellotto dalla punta d’oro di Giorgio Marini. Nel giugno dello stesso anno lavora come performer nello spettacolo Città Visibili di Giorgio Barberio Corsetti, danzando le coreografie di Ricky Sim (Teatro d’Arte di Singapore) durante la II Edizione del “Napoli Teatro Festival”.

Nel luglio 2005 durante il Festival ImpulsTanz di Vienna incontra e studia il Metodo Forsythe con Allison Brown (danzatrice del Ballet Frankfurt allora diretto da William Forsythe). Questo incontro determinerà il percorso futuro della sua ricerca artistico-scientifica.
I suoi lavori di ricerca, tutti nati da quell’esperienza viennese, l’hanno portata a spingersi fuori Italia per rintracciare sul campo i principi di quell’ideale artistico professato dal Maestro Forsythe.

Contemporaneamente alla carriera artistica inizia gli studi universitari presso “Sapienza Università di Roma”, dove si laurea in “Arti e Scienze dello Spettacolo” con una tesi monografica dal titolo William Forsythe (relatore: prof. Luciano Mariti – luglio 2008) e consegue con lode la Laurea Magistrale in “Saperi e Tecniche dello Spettacolo Teatrale, Cinematografico e Digitale”, discutendo una tesi sperimentale dal titolo Viaggio in Europa: Alla Ricerca del Performer (relatore: prof. Luciano Mariti; correlatore: prof.ssa Maria Teresa Pizza – luglio 2010).

Nel febbraio 2012 si trasferisce a Frankfurt am Main per portare avanti sul campo una ricerca pragmatica sulla Body Knowledge nella danza e nella coreografia attraverso il sofisticato contesto multi-disciplinare Motion Bank, l’ultimo progetto di William Forsythe e della The Forsythe Company, che dal 2010 al 2013 ha provveduto a creare uno spazio d’indagine nella pratica coreutica.

Nel corso degli ultimi tre anni ha partecipato come relatrice a vari convegni tra cui il Psi 19, tenutosi presso la Stanford University nel giugno 2013.
Oggi lavora con Motion Bank ed è Regular Guest del Dance Engaging Science Workgroup.
A Frankfurt am Main continua la sua prassi artistica come performer freelance. Ha collaborato come performer alle produzioni: Portrait um 15:00 Uhr progetto a cura della coreografa Yasna Shindler; Orten, progetto a cura della coreografa Petra Lehr, prodotto in collaborazione con il co.lab.tanztheater.

Il 23 luglio 2014 consegue il titolo di Dottore di Ricerca in Tecnologie Digitali e Metodologie per la Ricerca sullo Spettacolo – presso la Facoltà di Scienze Umanistiche di “Sapienza Università di Roma” – con giudizio unanime “ottimo” da parte della Commissione Scientifica esaminatrice.

Dal 10 al 19 dicembre 2014 ha tenuto a Roma con Riley Watts (performer della The Forsythe Company e ricercatore associato del Dance Engaging Science Workgroup di Motion Bank), un laboratorio intensivo teorico-pratico sul Metodo Forsythe. Il laboratorio patrocinato da AIRDanza è stato organizzato in collaborazione con il Centro Teatro Ateneo e il Dipartimento di Storia dell’Arte e dello Spettacolo di  “Sapienza Università di Roma”. Nato dall’esperienza di Monda e Watts con il Dance Engaging Science Workgoup, il laboratorio ha voluto proporre un nuovo approccio alla danza basato su una ricerca interdisciplinare e pragmatica che vede la commistione tra dance studies e neuroscienze cognitive (http://www.airdanza.it/indexframe.html). 

 

Nel 2014 il DAMS dell’Università di Roma Tre le ha commissionato un progetto di ricerca coreografico nel contesto di “Laboratori in Scena”. Il processo creativo ha dato vita ad Itis Metaphor: una performance coreografica dal vivo presentata il 23 maggio 2014 presso il Teatro Palladium di Roma. 

 

Ha recentemente pubblicato il volume Choreographic bodies. L’esperienza della Motion Bank nel progetto multidisciplinare di Forsythe (2016).

 


MONOGRAFIE

 

Choreographic bodies. L’esperienza della Motion Bank nel progetto multidisciplinare di Forsythe, Roma, Dino Audino ed., 2016.

 

Viaggio in Europa Alla Ricerca del Performer. Analisi, Fonti e Documenti di un Viaggio di Ricerca sul Lavoro d’Arte del Performer tra Germania, Spagna e Italia, Saarbrücken, Edizioni Accademiche Italiane, 2014.

 


SAGGI

 

La Body Knowledge in Motion Bank. Il Contrappunto Coreografico tra Sguardo e Percezione, verrà pubblicato nel n. 5 di “RevueRecherches en danse”, entro la fine del 2016.

 

Lo Score: Un Algoritmo per Investigare la Body Knowledge, in Dossier La danza nei dottorati di ricerca italiani: metodologie, saperi, storie. Giornate di studio DAMS, 24 e 25 ott. 2013, in “Danza e Ricerca. Laboratorio di studi, scritture e visioni”, anno VII, numero 6, Marzo 2015.

 

 


ARTICOLI

 

Immaginare la danza, in Alfabetapiù, Teatro, 16 gennaio 2016. http://www.alfabeta2.it/2016/01/16/10792/?utm_source=notizie+da+alfabeta2+e+alfapi%C3%B9&utm_campaign=ad81b82858-RSS_EMAIL_CAMPAIGN&utm_medium=email&utm_term=0_7e21973c9b-ad81b82858-307867885

 

The Forsythe Company In Act and Thought. Un’Ultima Performance per ricordare l’evoluzione di un pensiero-in-movimento, Danza News curato da Francesca Bernabini, 22 giugno 2015.

 


DOCUMENTI IN RETE

Bernabini Francesca, Al Palladium Itis Metaphor di Letizia Gioia Monda, 23 maggio 2015, http://www.danzaeffebi.com/chi-danza-dove/al-palladium-metaphor-di-letizia-gioia-monda/?fb_ref=Default

Sghembri Raniero, Il mondo metaforico nel ballo di Letizia Gioia Monda, Punto Continenti, 29 May 2015, (http://puntocontinenti.it/?p=7707 ).

 

Sghembri Raniero, Il Balletto di Letizia Gioia Monda, interview on youtube, 30 May 2015 (https://www.youtube.com/watch?v=sRcj0tX_XfY&feature=youtu.be ).


La Body Knowledge dans Motion Bank: Le Contrepoint Chorégraphique,

http://www.canal-u.tv/video/universite_de_nice_sophia_antipolis/le_body_knowledge_dans_motion_bank_le_contrepoint_choregraphique.14903,
4 apr. 2014, 25 giu. 2014. 

Il Metodo Forsythe tra Teoria e Pratica, http://www.danzaeffebi.com/il-metodo-forsythe-tra-teoria-e-pratica/, 27 ott. 2014.


CONFERENZE, SEMINARI (non pubblicati)

"Digital Dance Scores in the Motion Bank Project by Forsythe”, Dance and Performance. An interdisciplinary postgraduate conference, a cura di Ramsay Burt, Vito Di Bernardi e Aleksandra Jovicevic, Sapienza Univesità di Roma, 7 apr. 2016.

 

“Il processo di digitalizzazione del pensiero coreografico. Analizzando e leggendo Using the Sky-An Exploration of Deborah Hay's solo No Time to Fly” (Motion Bank Digital Score)”, Convegno Internazionale Immaginare la danza. Corpi e visioni nell’era digitale (Imagining Dance. Bodies and Visions in the Digital Era), Sapienza Università di Roma, 4 dic. 2015.

 

Motion Bank e il processo di digitalizzazione del pensiero coreografico”, Giornata di studi Tecnologie della Sensibilità: Estetica e Immaginazione Interattiva, con Pietro Montani e organizzato dalla Prof.ssa Alexandra Jovicevic, 14 mag. 2015, Sapienza Università di Roma.  

La Body Knowledge in Motion Bank: Il Contrappunto Coreografico”, La ricerca sulla danza tra Francia e Italia: approcci, metodi e oggetti, aCD e AIRDanza, Université de Nice Sophia Antipolis – Centre Transdisciplinaire d’Epistémologie de la Littérature et des Arts Vivants; Università degli Studi di Torino – DAMS, Nizza e Torino, 2-6 apr. 2014.

“A New Choreogaphic Paradigm”, VIII World Congress IDEA, on Drama/Theatre and Education, IDEA, Parigi, 8-12 lug. 2013.

“The Subjectification of the Time in the Contemporary Choreography: The Choreographic Counterpoint”, PSi19, Performance Studies International, Stanford University, Stanford, 26-30 giu. 2013.

“Il Contrappunto Coreografico: tra Sguardo e Percezione”, IV Convegno Internazionale Dialoghi tra Teatro e Neuroscienze, Sapienza Università di Roma, Roma, 11-13 apr. 2012.

 


LETIZIA GIOIA MONDA
letiziagioia@gmail.com